martedì 21 dicembre 2010

Pasta cacio e pepe

Questo piatto, pur nella sua apparente semplicità, richiede molta attenzione nella preparazione e solo pochi maestri riescono a proporlo come tradizione comanda.

Ingredienti per 4 persone:
400 / 500 grammi di pasta (ottimi i tonnarelli, vanno bene anche spaghetti, rigatoni, tortiglioni e mezze maniche)
100 grammi di pecorino grattuggiato fresco (romano o toscano)
pepe macinato fresco
sale

Preparazione:
Mettere a lessare la pasta in abbondante acqua salata (aggiungerla solo quando il bollore è vivo) e scolare al dente (di solito 3 minuti meno del tempo di cottura indicato).
Nel frattempo che la pasta cuoce preparare la salsina.
Versare poco più di metà del pecorino in una terrina in grado di contenere tutta la pasta, aggiungere abbondante pepe nero macinato, un paio di cucchiai di acqua di cottura e mescolare fino a far diventare il tutto una salsa molto densa, quasi asciutta.
Appena la pasta è cotta, scolarla lasciandola molto acquosa e versarla nella terrina, mescolarne bene il contenuto aiutandosi con un mestolo di legno. Aggiungere poi pian piano altra acqua di cottura e continuare a mescolare fino ad ottenere una salsina piuttosto liquida.
Servire aggiungendo nei piatti abbondante pepe e spolverando con il resto del pecorino.

3 commenti:

  1. l'olio non ci va se:
    - il pecorino è degno di questo nome (media stagionatura)
    - la mantecatura ha i suoi giusti tempi (tira via la pasta molto al dente)
    - aggiungi un po' di acqua di cottura durante la mantecatura.

    RispondiElimina
  2. ah: chi non sa saltare la pasta, si procuri una di quelle zuppiere di acciaio dell'IKEA. Sono una salvezza, al limite mettendoci un coperchio ed agitando dal basso verso l'alto. Bon apetit!

    RispondiElimina
  3. Infatti, come dicevo all'inizio: "solo pochi maestri riescono a proporlo come tradizione comanda", e questa è invece una ricetta per tutti alla quale sono arrivato per successive approssimazioni...

    RispondiElimina